Più della metà delle donne che, negli stati UNITI ottenere mammografie annuali che avranno almeno un falso positivo lettura dopo 10 anni di screening, e ora la nuova ricerca suggerisce che queste donne possono essere ad aumentato rischio di cancro al seno.

Le donne in uno studio danese che hanno avuto almeno un falso positivo mammografia sono stati più probabile che alla fine essere diagnosticati con cancro al seno rispetto alle donne che non dispongono di tale storia.

Ma c’era poca differenza di rischio tra le donne con e senza falsi positivi letture che sono stati proiettati dopo l’anno 2000, suggerendo che i progressi nello screening mammografico della tecnologia hanno portato a più di test accurati.

“Questo studio potrebbe essere interpretata come una rassicurante per le donne di essere proiettato oggi”, dice il cancro al seno specialista Stephanie Bernik, MD, che non era coinvolto nello studio.

Bernik, che è a capo di oncologia chirurgica al Lenox Hill Hospital di New York, dice innovazioni in mammografia di screening a partire dal 2000 hanno portato ad una migliore rilevazione di cancro al seno e un minor numero di falsi positivi.

“Ci è stato a lungo un suggerimento che le donne che hanno più l’attività dei loro seni che portare a falsi positivi mammografie possono avere un aumentato rischio di cancro al seno, ma non penso che questo studio dimostra questo”, dice .

Falsi Positivi Al Test, Più Il Cancro Al SenoFalsi Positivi Al Test, Più Il Cancro Al Seno

Le donne con mammografia positiva proiezioni — se sia falso o non falso, in genere, hanno un ulteriore mammografie, ecografie, seguita da una biopsia per confermare o escludere il cancro al seno se i risultati sono ancora poco chiari.

Falsi positivi mammografia letture sono particolarmente comune nelle donne con seni densi o hanno altre caratteristiche, tra cui formazioni benigne che guardare come i tumori, depositi di calcio, ispessimento cutaneo, appena rientrata capezzoli, o linfonodi sospetti.

Diversi studi precedenti hanno suggerito che le donne con queste caratteristiche seno hanno un rischio aumentato di cancro al seno, ma la ricerca è inconcludente.

Nel recente studio pubblicato, i ricercatori dell’Università di Copenhagen hanno esaminato i dati da una base di popolazione mammografia di screening programma in Danimarca.

L’analisi ha incluso 58.000 di donne che avevano mammografie in quel paese, tra il 1991 e il 2005.

Un falso positivo mammografia è stata associata con un 67% in più di probabilità di riuscire a ricevere una diagnosi di cancro al seno.

Femminile Proiettato In Seguito Aveva Minor RischioFemminile Proiettato In Seguito Aveva Minor Rischio

Ma l’aumento del rischio tra le donne che avevano mammografia dopo l’anno 2000 è stato di circa la metà delle donne proiettato nella metà degli anni 1990, non si è ritenuto significativo.

Università di Copenaghen, professore associato di epidemiologia e ricercatore Mia von Euler-Chelpin, PhD, dice questo suggerisce che le proiezioni prima del 2000 hanno perso più esistente tumori.

Lo studio compare nel numero di Maggio del Journal of the National Cancer Institute.

“Dopo il 2000, il tasso di rilevamento di cancro al seno aumentato e i falsi positivi sono diminuiti”, dice . “Ma il fatto che l’aumento del rischio è rimasto per molti anni dopo lo screening suggerisce anche che il seno le caratteristiche che portano a falsi-positivi possono essere associati con un aumento [cancro al seno] rischio”.

Lei aggiunge che siano necessari ulteriori studi per confermare l’associazione.

UNITI Possono Essere Diverse, Esperto DiceUNITI Possono Essere Diverse, Esperto Dice

Anche se i risultati sono confermati, non è chiaro se i risultati si applicano per le donne negli Stati Uniti, Bernick, dice.

Che è quanto di più donne negli stati UNITI vengono chiamati per il secondo proiezioni o biopsie dopo l’iniziale mammografie.

“Abbiamo una molto più bassa soglia per la chiamata di donne a causa della natura del nostro sistema sanitario, e quindi non necessariamente identificare ciò che sta accadendo all’estero per ciò che sta accadendo qui,” Bernick, dice.

Uno studio a livello nazionale, pubblicato lo scorso ottobre, ha rivelato che il 61% delle donne negli stati UNITI proiettati ogni anno per 10 anni e almeno uno di falsi positivi di lettura, e fino a 1 su 10 con risultati falsi-positivi hanno ricevuto una raccomandazione per una biopsia.

Bernick dice che alcune donne che hanno avuto falsi positivi mammografie o biopsie benigne in passato potrebbe essere meno preoccupati di quello che dovrebbe essere sui futuri risultati.

“Una donna non dovrebbe mai ignorare una nuova ricerca, basata su una storia di falsi-positivi mammografie,” dice.

No Comments Uncategorized

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *